| Fornitori Ufficiali | Sponsors | Partners istituzionali | Rosacittiglio | Info | Links | Fotogallery |
 
Home arrow Trofeo Binda 2014 arrow "ROSACITTIGLIO N° 5" - ELIZABETH ARMITSTEAD CANDIDATA AL SUCCESSO AL "BINDA"
Martedė 29 Novembre 2022

Menu principale
Home
Contatti
Programma Trofeo Binda 2015
Percorso Trofeo Binda 2015
Trofeo Da Moreno Juniores 2015
Info Hotel
Albo d'oro Trofeo Binda
Albo d'oro Trofeo Da Moreno
Trofeo Binda 2015
Trofeo Binda 2014
Trofeo Binda 2013
Trofeo Binda 2012
Trofeo Binda 2011
Trofeo Binda 2010
Trofeo Binda 2009
Trofeo Binda 2008
Varie
Eventi
Campionati Italiani 2013

            

Volontari 2014
Registrati Registrati
World Cup 2014

logo world cup

                               
Quanto manca
Oggi
29. November 2022, 05:16
mancano al
29. March 2015, 13:30
0 giorni
0 ore
0 minuti

    

    

 

      

       

    

     

  

 

                Con il patrocinio di

 

  

 

"ROSACITTIGLIO N° 5" - ELIZABETH ARMITSTEAD CANDIDATA AL SUCCESSO AL "BINDA"

 


"ROSACITTIGLIO N° 5" - LA BRITANNICA ELIZABETH ARMITSTEAD CANDIDATA AL SUCCESSO AL "TROFEO BINDA"

Lizzie Armitstead del team Boels - Dolmans ha vinto domenica scorsa la Ronde van Drenthe, prima prova di Coppa del Mondo femminile UCI  2014. La britannica ha battuto in volata Anna Van der Breggen della Rabobank  mentre  la statunitense Shelley Olds,  della Ale’ - Cipollini, ha vinto lo sprint del gruppo giunto al traguardo con un ritardo di 29 secondi. Prima delle italiane è stata Elisa Longo Borghini della Hitec Products, sedicesima e attesissima protagonista nel trofeo Binda, così come Giorgia Bronzini della Wiggle Honda, giunta appena dopo. La Armitstead aveva già vinto domenica scorsa la Omloop Van Het Hageland in Belgio. La Ronde van Drenthe si è svolta su un percorso di 146,6 km, nel nord dei Paesi Bassi, caratterizzato da ciottoli, vento e una collina artificiale di 56 metri. Tra queste insidie quella che ha determinato la svolte decisiva è stata il vento, soprattutto sulla spinta della Rabobank che ha causato una durissima selezione. Ad un certo punto la Armitstead, così come altre cicliste, si è trovata ad inseguire alcune atlete in fuga, raggiunte anche grazie al gran lavoro svolto dalla campionessa del mondo a cronometro Ellen van Dijk .Lizzie Armitstead ha poi portato l’attacco decisivo sulla salita finale insieme ad Anna Van der Breggen, medaglia d'argento ai Giochi Olimpici di Londra 2012. Poi la britannica ha battuto la sua rivale allo sprint. Per la 25enne Armitstead si tratta della prima vittoria di Coppa del Mondo. L’appuntamento con la challenge UCI è fissato ora in Valcuvia, domenica 30 marzo con il trofeo Binda. Saranno quattro le maglia in palio; Leader - Giovani - GPM - Sprint.

I giovani sono il primo pensiero

"In questi giorni tanti mi chiedono due cose. La prima è che tempo sarà domenica 30 marzo ed io preferisco non rispondere. La seconda domanda è: che cosa avete in programma il 30 marzo? Aspettate e vedrete;  oltre alle due gare sono tante le iniziative che coinvolgeranno Cittiglio e Laveno Mobello e accompagneranno l’evento; nei prossimi giorni ve li ufficializzeremo. Noi organizzatori siamo pronti.  La Coppa del Mondo è un evento che ha coinvolto in questi primi mesi dell’anno le scuole di 1° grado, il territorio, la promozione dei prodotti tipici, il turismo ed ha dato  visibilità delle bellezze che la Provincia di Varese. La vigilia della Coppa e la domenica i ragazzi saranno ancora protagonisti. Dobbiamo puntare sui giovani; il futuro è necessariamente legato a loro. Se riusciamo a coinvolgerli, saranno loro i ciclisti, gli appassionati e gli organizzatori futuri. Lo voglio sottolineare;  tutto questo, è possibile grazie a un gruppo che collabora con me a dir poco straordinario e fantastico, non solo per il rapporto che ci unisce. Un grazie agli Enti Pubblici e agli Sponsor che con il loro fattivo contributo mi sono vicini e ci sostengono, senza di loro non saremmo in grado di sostenere questo impegno che corre incontro alla passione ed all’amore per un territorio davvero unico in Italia."

Mario Minervino

Marianne Vos ha Cittiglio nel cuore!

Nonostante la mancata partecipazione al prossimo Trofeo Binda, la cannibale del ciclismo femminile moderno ci ha voluto raccontare in esclusiva il suo profondo legame con il territorio della provincia di Varese e con la corsa organizzata dalla Cycling Sport Promotion di Mario Minervino. “Dopo una stagione vissuta al 110%, quest'anno purtroppo il Trofeo Alfredo Binda non rientrerà nel mio programma stagionale. Non è stata una scelta facile in quanto reputo la corsa di Cittiglio una delle migliori al mondo. Sicuramente tornerò a parteciparvi già dal prossimo anno, sperando di entrare per la quarta volta nell’albo d’oro”. La straordinaria atleta olandese, vincitrice in carriera di dieci titoli mondiali tra strada e ciclocross, nonché della prova olimpica di Londra 2012, ha scritto nel Varesotto alcune delle pagine più belle della sua carriera. “Dalla prima volta che ho partecipato al Trofeo Binda questa gara mi è subito piaciuta, in quanto si disputa in una splendida zona del Nord Italia, per giunta su un percorso davvero spettacolare e impegnativo. Gli organizzatori della Cycling Sport Promotion sono inoltre sempre all’avanguardia dal punto di vista della sicurezza, nonché sensibili alle tematiche ambientali, come dimostra la loro partecipazione al programma Uci Recycling di cui sono testimonial. Viste le tre vittorie non posso che avere ottimi ricordi del Trofeo Binda, una corsa che porto sempre nel mio cuore!”. La leader della Rabo Liv Woman Team farà il proprio esordio stagionale in Belgio a metà aprile, prima di tornare in Italia per il GiroRosa. “Aprirò la mia stagione su strada molto probabilmente nella seconda parte del mese di aprile alla Freccia Vallone.  Il mio obiettivo principale sarà comunque quello di vincere il Campionato del Mondo di Ponferrada”. Un’analisi infine sul futuro del ciclismo femminile. “Dopo anni di richieste mai ascoltate, finalmente diversi organizzatori di gare maschili si stanno interessando al nostro movimento. Quest’anno avremo il privilegio di correre a Parigi prima dell’arrivo del Tour e nel 2015 anche la Vuelta proporrà un’iniziativa a nostro favore. Sono pertanto molto fiduciosa. Nel giro di pochi anni le nostre gare saliranno di livello, prendendo spunto magari proprio da quanto fatto a Cittiglio con il Trofeo Alfredo Binda nelle ultime stagioni”. 

Scarica subito la guida per il Garmin e per Google Earth

Ci sono due nuove opportunità per chi ama pedalare sulle strade del trofeo Binda tenendo d’occhio il computer montato sul manubrio della bicicletta oppure vivendo già ora le emozioni del percorso di gara avendo studiato il percorso sul pc di casa. Gli organizzatori della Coppa del Mondo, in programma domenica 30 marzo, hanno realizzato infatti due importanti guide, una nella versione GPS per GARMIN, l’altra nella versione GOOGLE EARTH. Due guide che atlete, tecnici e direttori sportivi hanno subito apprezzato moltissimo così come certamente faranno anche tutti gli appassionati di ciclismo che nei prossimi giorni sceglieranno la Valcuvia per gli allenamenti. ll trofeo Binda, unica prova italiana di Coppa del Mondo donne, si svolgerà su un percorso complessivo 123 chilometri con partenza da Laveno Mombello (VA) ed arrivo a Cittiglio (VA). La gara junior, definita la Piccola Coppa del Mondo, si svolgerà su un percorso di km 62. Tutte le altre informazioni sulle due gare sono disponibili sito internet ufficiale: www.trofeobinda.com In attesa del via delle due competizioni ecco il video della presentazione ufficiale avvenuta lo scorso 22 febbraio: http://www.youtube.com/watch?v=jwWdgjrBjTM a cura di Angelo Gaudenzi. Segnaliamo inoltre il sito www.pedalerosa.it, di Flaviano Ossola, che sta realizzando diversi “servizi speciali” in vista del trofeo Binda.

SFOGLIA IL TERZO NUMERO DI "ROSACITTIGLIO" (clicca qui)

 
< Prec.   Pros. >

 

              

Media Partners

Archivio Brochure Gare
Chi e' online
Binda: il ricordo di un mito