| Fornitori Ufficiali | Sponsors | Partners istituzionali | Rosacittiglio | Info | Links | Fotogallery |
 
Home arrow Campionati Italiani 2013 arrow IVAN BASSO E VALENTINA CARRETTA HANNO PEDALATO SUL CIRCUITO DEI "CAMPIONATI ITALIANI"
Venerdė 9 Dicembre 2022

Menu principale
Home
Contatti
Programma Trofeo Binda 2015
Percorso Trofeo Binda 2015
Trofeo Da Moreno Juniores 2015
Info Hotel
Albo d'oro Trofeo Binda
Albo d'oro Trofeo Da Moreno
Trofeo Binda 2015
Trofeo Binda 2014
Trofeo Binda 2013
Trofeo Binda 2012
Trofeo Binda 2011
Trofeo Binda 2010
Trofeo Binda 2009
Trofeo Binda 2008
Varie
Eventi
Campionati Italiani 2013

            

Volontari 2014
Registrati Registrati
World Cup 2014

logo world cup

                               
Quanto manca
Oggi
9. December 2022, 00:14
mancano al
29. March 2015, 13:30
0 giorni
0 ore
0 minuti

    

    

 

      

       

    

     

  

 

                Con il patrocinio di

 

  

 

IVAN BASSO E VALENTINA CARRETTA HANNO PEDALATO SUL CIRCUITO DEI "CAMPIONATI ITALIANI"

IVAN BASSO E VALENTINA CARRETTA HANNO PEDALATO SUL CIRCUITO DEI "CAMPIONATI ITALIANI"

 Il magnifico percorso del campionato italiano donne 2013 è stato testato in anteprima da un testimonial d’eccezione; Ivan Basso che nei giorni scorsi è tornato in sella dopo il fastidioso ascesso perineale che l’ha escluso dalla lotta per la conquista del Giro d’Italia. Il campione varesino ha pedalato in Valcuvia in compagnia di Valentina Carretta sul circuito di 12  km. che domenica 23 giugno caratterizzerà le prove tricolori donne élite e juniores organizzate dalla Cycling Sport Promotion di patron Mario Minervino. “Quello della Valcuvia è un circuito molto tecnico e ricco di cambi di pendenza - ha sottolineato il corridore della Cannondale Pro Cycling -. Lo strappo di Cassano Valcuvia rappresenterà quasi certamente un trampolino di lancio congeniale per la selezione definitiva in vista del traguardo di Rancio. Quasi certamente assisteremo ad un arrivo in solitaria o al massimo di un gruppetto formato da una decina di atlete”. Entusiasta del percorso scelto per l’assegnazione delle maglie tricolori donne 2013 anche la caravatese Valentina Carretta. “Questo circuito è veramente spettacolare e mostra quanto il nostro territorio sia davvero splendido - ha esordito l’atleta della MCipollini Giordana -. In questi ultimi giorni ho affrontato più volte il percorso e devo dire che è molto selettivo”.  Il video della ricognizione, realizzato da Flaviano Ossola, è già visibile sulla pagina YouTube del Trofeo Binda.

 

LINK VIDEO -  http://www.youtube.com/watch?v=XS3saArx4bU

 

Questo il programma del Campionato Italiano Donne elite e Junior 2013

SABATO 22 GIUGNO 2013 - presso Ufficio dell'Agenzia del Turismo in Varese, viale Ippodromo 2

14.00 - 18.00 Accrediti per organizzazione, stampa e seguito ufficiale

14.00 - 16.00 Verifica licenze per gruppi sportivi e distribuzione numeri dorsali

16.30 Riunione riservata ai direttori sportivi delle squadre Donne Junior

17.00 Riunione riservata ai direttori sportivi delle squadre Donne Elite

18.00 Riunione con moto staffette, moto TV e fotografi

DOMENICA 23 GIUGNO 2013 - presso Varese, Piazza Monte Grappa

08.00 Ritrovo Campionato Italiano Donne Junior 

08.15  -  08.45 Presentazione squadre e firma foglio di partenza Donne Junior

09.00 Partenza CAMPIONATO ITALIANO DONNE JUNIOR

13.00 Ritrovo Campionato Italiano Donne Elite

13.15 - 13.45 Presentazione squadre e firma foglio di partenza Donne Elite

14.00 Partenza CAMPIONATO ITALIANO DONNE ELITE

presso "Da Moreno" in Rancio Valcuvia (VA), Via Provinciale 15

09.30 - 19.00 Apertura Permanence - Segreteria di gara

09.30 - 19.00 Apertura Sala Stampa ai giornalisti accreditati

11.15 circa Arrivo Campionato Italiano Donne Junior, cerimonia protocollare

17.15 circa Arrivo Campionato Italiano Donne Elite, cerimonia protocollar

17.45 Conferenza stampa della Campionessa Italiana Donne Junior e Donne Elite presso la Sala Stampa

 
< Prec.   Pros. >

 

              

Media Partners

Archivio Brochure Gare
Chi e' online
Binda: il ricordo di un mito